La cromopuntura,

nata dall’incontro tra agopuntura e cromoterapia, è un approccio naturale e non invasivo che stimola il benessere completo dell’individuo. 

 

PER CHI È ADATTA LA cromopuntura

  • per chi si sente privo di energia e sempre molto stanco
  • per chi non riposa bene la notte
  • per chi si sente appesantito e gonfio
  • per chi vuole aiutare i processi depurativi del corpo
  • per chi vuole eliminare le tossine
  • per chi vuole migliorare la circolazione
  • per chi vuole ridurre lo stress
  • per chi vuole recuperare la vitalità
  • per chi vuole affiancare, alle terapie che sta seguendo, un percorso naturale
  • per chi vuole rendere più efficaci i trattamenti che sta seguendo con altri professionisti
  • per chi vuole rilassarsi e contemporaneamente fare del bene al proprio corpo
  • per chi ha disordini gastrointestinali
  • per chi ha dolori
  • per chi ha sindrome premestruale e dismenorrea
  • per chi vuole rinfrescare la sua fertilita’
  • per le donne incinta assistenza pre durante e post
  • per gli anziani e i loro disturbi
  • per i bambini e i loro disturbi

 

 

Gli strumenti e le tecniche della cromopuntura

Ogni colore si caratterizza per specifiche proprietà ed effetti ed è quindi bene approfondire la conoscenza del valore terapeutico di ciascuno di essi per ottenere i risultati desiderati. I colori agiscono anche a livello emozionale e vengono associati nella tradizione indiana ai sette chakra. È possibile unire così la pratica della cromopuntura alla tradizione ayurvedica e allo yoga.

COME SI EFFETTUA

Dopo un colloquio di circa mezzora si cominciano a trattare i primi punti, nei giorni successivi ci si tiene in contatto e mi comunichi come stai da li’ parte un percorso di 5/10 sedute per il riequilibrio del tuo corpo e mente .

si consiglia abbigliamento comodo in cotone preferibilmente

DURATA E COSTI DI UNA CONSULENZA 
Ogni trattamento ha la durata mezzora e viene effettuata in studio su appuntamento. Per conoscere il tariffario in vigore potete compilare il modulo di contatto.

DOVE
I trattamenti si effettuano Milano e PIoltello.

COME PRENOTARE 
Per informazioni e prenotazioni potete compilare il modulo di contatto (che mi permette di non perdere neanche una email e rispondervi al più presto) o potete chiamare il numero 3928302927

Se non rispondo è perché sto effettuando un trattamento o una consulenza ma richiamerò appena avrò terminato.

 

Di cosa si tratta?

La cromopuntura è una pratica di medicina alternativa volta ad alleviare piccoli problemi di natura fisica e psichica attraverso l’emanazione di luce colorata sul corpo.

In modo simile all’agopuntura, la cromoterapia si prefigge di riequilibrare i centri energetici dell’organismo - chiamati “meridiani” dalla tradizione cinese - e di stimolare quindi il generale benessere psicofisico dell’individuo. Ma come funziona concretamente questa pratica?

La cromopuntura viene effettuata oggi mediante l’ausilio di penne che irradiano fasci di luce attraverso una lente cromata. Si tratta di un metodo per niente invasivo né doloroso basato sull’idea del colore come veicolo di informazioni da trasmettere al corpo. Non si utilizzano aghi ma soltanto stimoli di luce.

Una delle basi su cui si fonda la cromopuntura è la sorprendente scoperta dei biofotoni effettuata dal ricercato tedesco Fritz-Albert Popp. Stando a ciò che asserisce la sua teoria, tutte le cellule dei tessuti viventi (ovvero quelle del corpo umano, delle piante e degli animali) emanano informazioni sotto forma di energia luminosa in grado di intervenire su numerosi processi metabolici e genetici del corpo. Secondo Popp dunque, dagli squilibri di queste linee di comunicazione energetica deriverebbero sintomi e disturbi di varia natura.

I benefici della cromopuntura

Stimolando i centri energetici del corpo a partire dalla superficie cutanea, la cromopuntura sarebbe in grado di riportare in equilibrio la forza interiore dell’individuo e di favorire il benessere degli organi interni. Ogni organo è collegato infatti ad una parte esteriore del corpo e, lavorando su questi punti attraverso il colore, si crede sia possibile ripristinare l’armonia psicofisica dell’intera persona.

Attivando e ristabilendo il corretto equilibrio dei biofotoni la cromopuntura agisce indirettamente sul funzionamento dei processi biochimici dell’organismo. Questa pratica, che appartiene alla corrente del pensiero olistico e alla medicina esogetica, è di aiuto non soltanto per il trattamento dei disturbi fisici ma anche per i disagi di natura emotiva e psicologica.

Mantenendo per qualche secondo un piccola luce colorata su una o più parti del corpo, è possibile sollecitare positivamente il sistema nervoso  quello endocrino immunitario ed ingenerale tutto il corpo. La cromoterapia è un tecnica adatta a tutti, sia grandi che piccini,donne incinta(bisogna usare latecnica giusta con queste ultime) è priva di grosse controindicazioni e non interagisce con terapie di altro genere. I benefici riscontrabili da questa pratica interessano tutta la persona.Aiuta inoltre a favorire uno stato di naturale rilassamento in caso di stress e di affaticamento.

 

APPROFONDIMENTO

La cromopuntura

E’ una forma estesa di agopuntura ,utilizza fasci di luce colorata al posto degli aghi.Nasce da una geniale intuizione del ricercatore tedesco Peter Mandel e si propone attraverso la luce e in particolare in colori di veicolare attraverso i meridiani dell’agopuntura e altri punti individuati dallo stesso Mandel non tanto energia quanto informazione.La Cromopuntura  si basa sugli studi della fisica quantistica e sugli studi del biofisico Fritz A.Popp .

Fritz A.Popp dell’Istituto Internazionale di biofisica di Kaiserlautern è riuscito a dimostrare che le cellule di qualsiasi essere vivente emettono radiazioni molto deboli di luce detti biofotoni.

La radiazione di queste cellule viventi,rappresenta un campo energetico regolatore che racchiude l’organismo nella sua totalità ed esercita un’influenza fondamentale su tutti i processi biochimici. E’ su questa importante scoperta scientifica che Peter Mandel fonda gran parte di quello che oggi appare come un bagaglio conoscitivo della cromopuntura.

La Cromopuntura permette di reintrodurre la corretta energia informativa nell’unità corpo,mente,laddove risiede un’informazione errata che nel tempo si esternalizza attraverso quello che noi definiamo comunemente (disturbo) sintomo

Ma perché il colore?

I colori sono delle onde elettromagnetiche esogene una specie di espediente della corteccia visiva per distinguere le radiazioni elettromagnetiche che stimolano la retina con una lunghezza d’onda fra 380 e 750 nm e con una frequenza compresa fra i 400 e i 790 tera Herz: è proprio la frequenza della luce che determina il colore dell’oggetto da cui proviene la luce stessa. Peter Mandel ebbe una straordinaria intuizione: comprese che la materia fisica, i nostri tessuti, i nostri organi, sono un’unità di spettro nella quale ogni gruppo di cellule vibra ad una frequenza specifica e questa può essere espressa in uno dei sette colori dello spettro; ogni organo ha il suo colore specifico (per esempio il fegato con il giallo) e vibra in risonanza con esso. Ogni organismo vivente quindi irradia un debole ma permanente flusso di luce, una luce molto debole la cui intensità corrisponde alla luce di 1 candela osservata a 25 km di distanza, emette cioè dei biofotoni, particelle di luce portatrici di informazioni. Sono questi biofotoni , ci spiega il professor Popp, il principale meccanismo di trasporto non locale di informazione tra le cellule. Secondo il fisico tedesco la luce ed i fotoni partecipano alle operazioni di comunicazione nelle nostre cellule, essi regolano la crescita e la rigenerazione delle cellule stesse e controllano tutti i processi biochimici. È come se ci fosse una sorta di alone che permea ogni organismo vivente, un campo elettromagnetico che lo pervade totalmente con un flusso virtuale di fotoni, una struttura energetica olografica che guida la crescita e lo sviluppo del corpo fisico; Alterazioni della struttura organizzativa di questo campo possono esitare in una crescita cellulare anormale e quindi alterazione organica. La malattia quindi è sempre più evidentemente una interruzione delle linee di comunicazione dei fotoni all’interno dell’organismo, comunicazioni che permettono un coordinamento praticamente istantaneo fra i vari distretti organici e che interrompendosi impediscono lo scambio di informazioni fra i distretti stessi, fra organo ed organo, determinando quindi squilibrio e malattia. Ogni squilibrio quindi può essere nuovamente armonizzato irradiando un colore nel quale quel determinato sistema-tessuto-organo vibra. La Cromopuntura irradia direttamente le cellule malate con l’informazione di armonia intrinseca nel colore, consente la riattivazione delle linee di comunicazione bio fotonica interrotte, determina un’attività di ristrutturazione del campo bio fotonico e ripristina una vibrazione coerente con conseguente ritrovato stato di salute.

E perché la cute?

Potremmo paragonare la pelle ad una sorta di antenna che capta le informazioni biofotoniche provenienti dall’esterno, le rafforza e le trasmette all’interno dove vengono immagazzinate e conservate (più precisamente a livello delle molecole di DNA delle cellule dell’organismo, in una rete dinamica di luce che come abbiamo visto svolge la funzione di rete di comunicazione principale dell’organismo e di regolazione per tutti processi vitali) per poi essere riemesse continuamente all’esterno. Il professor Popp ci dice che un aumento della emissione di fotoni da parte di un sistema è sempre legato all’abbandono del coerente stato di equilibrio delle funzioni interne (situazione che poi porterà alla malattia), spiegando che i punti cutanei che emettono più biofotoni rispetto al resto della cute sono quei punti corrispondenti ai punti di agopuntura. Immaginiamo quindi i punti di agopuntura come dei chip, precisi distretti cutanei, al livello dei quali vengono scaricati tutti i dati della memoria olografica eterica; agendo con il colore su di essi viene ri-ordinata l’alterata informazione olografica responsabile dell’insorgenza dei sintomi. Questi punti sono quindi collegati olograficamente sia con il campo quantico in “alto” (ordine implicito) sia con i singoli distretti organici in “basso” (ordine esplicito) in un meraviglioso meccanismo sincronico ed armonico di reciproca co-informazione Le principali indicazioni cliniche In linea teorica la Cromopuntura copre tutta la clinica medica. Non si va ad agire infatti sul sintomo specifico, ma si interviene sulle alterazioni in-formative generali dell’organismo. Da un punto di vista strettamente statistico, però, ci sono sicuramente degli ambiti che rispondono particolarmente bene al trattamento con il colore. Per quella che è la nostra personale esperienza clinica la Cromopuntura agisce particolarmente bene nelle seguenti aree: 1) Sindromi da dolore : artrosi, artriti, cervicalgie, lombalgie, gonalgie, cefalee, fibromialgie ecc. 2) Sfera neuro endocrina femminile: dai disturbi della sfera mestruale a quelli della menopausa, da problematiche legate alla fertilità alle disfunzioni della sfera sessuale. 3) Patologie ansioso-depressive ed in generale tutti gli stati di esaurimento psico-fisico.

UNA TERAPIA DEL FUTURO

La luce e i colori saranno elementi importanti nella medicina del futuro in quanto l’intero metabolismo cellulare e la comunicazione tra le cellule e la loro associazione non sarebbero possibili senza la luce.

Nel corpo umano è stato dimostrata l’esistenza di vie di trasmissione della luce che corrispondono esattamente ai meridiani descritti dalla medicina tradizionale cinese.In fin dei conti il nostro corpo è una fotocellula che, attraverso la luce , si rifornisce di energia e di informazione.

I due componenti più importanti della cromopuntura sono la luce e la pelle. Attraverso specifici punti e zone della cute  “per mezzo del colore” si inducono nella cellula e nei sistemi del corpo informazioni riequilibranti.

La scienza moderna ha scoperto il modo in cui gli impulsi della luce e del colore assorbiti attraverso la pelle sono trasmessi al cervello ed infine esplicano la loro azione all’interno del corpo. L’elaborazione successiva degli influssi cromatici,indotti sia attraverso gli occhi che attraverso la pelle,hanno luogo nel talamo ottico. La pelle dunque non è solo una protezione e un  rivestimento ,bensì anche un’antenna e un convertitore di tutti i tipi di vibrazioni che ci circondano. Anch’essa “vede “colori e ,a seconda della localizzazione della zona della pelle sulla quale viene fatta la cromopuntura ,il nostro cervello valuta il colore in modo diverso.

© 2017 Naturopatamente. All Rights Reserved.